Home  L'angolo della poesia L'angolo della poesia  Avvenimenti e opinioni Avvenimenti e opinioni  Tema libero in piazza Tema libero in piazza   
 
Terminologia

Ipotetico viaggio a ritroso nel tempo,per delineare meglio l'identità storica e culturale della nostra comunità.
   

Il dialetto di  Mili San Marco conserva ancora ,come il siciliano, termini derivati dalla sovrapposizione e mescolanza di razze e di popoli conquistatori che si sono succeduti  nel tempo.

Sono esempi alcuni termini dialettali  ancora usati oggi  come:

 DALLA MAGNA GRECIA

  


Ammatula -invano
babbiari - scherzare (da babazo, da cui abbiamo: babbazzu e babbu - stupido;
bisolu-sedile di cemento
bucali - boccale (da baukalion)
bùmmulu - piccola brocca per l'acqua (da bombule)
càntaru - tazza (da kantharos)
cantunèra , cantuni - angolo (da kanduni)
casèntulu - lombrico (da gâs ènteron)
cona - icona (da eikona)
cacòcciuli - carciofi
crastu - montone (da kràstos)
cuddura - ciambella pasquale (da kollyra)                                                                                                                                                                                                 ghiecchiu -balbuziente
girasa - ciliegia (da kerasos)
lissa-debilitazione fisica con voglia di non fare nulla
naca - culla (da nake)
n'picciari - appendere/attaccare (da (eks)èpeson) 
pricopa- albicocco (da praicòcchion)
pitrusinu - prezzemolo (da petroselinon)
rasta - vaso per piantarvi fiori (da gastra)
seghila- bietola  (pianta)
taddarita-pipistrello
tintu-malvagio
 ciuri-Xiùri  (fiore)
 ciumi-Xiùmi  (fiume)
 ciatu-Xiàtu "(fiato)
  ciusciu-XiùXiu  (soffio )
 ciocca-Xiòcca  (chioccia)
 ciusciari-XiuXiàri  (soffiare) 
 ciacca e ciaccazza-Xiàcca e Xiaccàzza" (crepa, varco)
 ciaccari-Xiaccàri  (aprirsi un varco)
 ciancu-Xiàncu  (fianco)
 ciauru-Xiàuru  (profumo)
 Pumara , pirara,nuciara, ranciara etc... -Pomo,pero,noce ,arancio etc..

 

 


 DALL'ARABO

bagghiu - cortile (da bahah).
capu-rrais - capo, capobanda (da ra?is; capo)
cafìsu - misura per l'acqua (e, soprattutto, per l'olio) (da qafiz, in realtà misura per aridi)
carrubba - frutto del carrubo (da harrub)
cassata - una torta tipica siciliana, (quashata )
ciaramita -tegola
gebbia - vasca servazione dell’acqua utilizzata per l’irrigazione (da già-bìa)
Ciuciulena - seme di sesamo (da giulgiulan)
jarrùsa- giovane prostituta (da arùsa, sposa)
maìdda - recipiente in legno usato per impastare la farina (da màida mensa)
saia - canale (da saqiya, irrigatrice, cfr. spagn. acequia)
sciabbachèddu - (da shabaka) rete da pesca a piccole maglie
vaddara - ernia (da addhara)
zammarunaru  -zammara  - agave (da sabbara)
zagara - fiore dell'arancio (da zahr, fiore; spagnolo azahar, dall'arabo ispanico azzahár) 
zubbibbu - tipo di uva a grossi chicchi (da zabib, "uva passita") 

 alcuni cognomi:

Fragalà - "gioia di Allah"
Vadalà, Badalà - "servo di Allah"
Zappalà - "forte in Allah"


 DAL FRANCESE

accattari - comprare (dal normanno acater, francese moderno acheter )
accia - sedano (da ache).
addumari – accendere (da allumar)
ammuarru  - armadio (da armoire)
appuggiari - appoggiare (da appuyer)
banna - lato, posto (da banda)
bucceria e malavinnita (vucceri) - macellaio (da bouchier)
buatta - latta, barattolo (da boîte)
buffè-tavolo da cucina (buffet)
cugnatu - cognato (da cognau - latino cognatum)
figghiozzu - figlioccio (da figlioz - latino filiolum)
fumeri -letame di cavallo
lariu - brutto (da laid)
largasìa - generosità (da largesse)
lascu - sparso, sottile, raro (da lasc)
lavanca - precipizio (da lavanca)
lumera-lume a olio
muntuari - accennare, nominare ( mentevoir')
mustàzzi - baffi (da moustache)
n'trippari o truppiccari - inciampare e bloccarsi (dal provenzale trepar)
orbu - cieco (da orb - latino orbum)
parrinu -prete
paru - uguale (da paratge)
perciàri/picciàri - bucare
racìna - uva (da raisin)
raggia - rabbia (da rage)
soggiru - suocero (da suoxer - latino socer)
truscia- fardello
travagghiari - lavorare (da travaller, francese moderno travailler,  in spagnolo trabajar)
vinedda- piccola via senza sbocco

 


DALLO SPAGNOLO

 

 

Influenza catalana

affruntàrsi - vergognarsi (da afrontar-se, "confrontarsi")
ancioja - acciuga (da anxova)
arricugghìrsi - rientrare, ritirarsi (da recollir-se)
cupari - soffocare (da acubar)
capuliari - tritare (da capolar, presente sia in catalano che in castigliano)
cascia - cassa (da caixa)
cinisa-carbonella
ddabbanna, ccabbanna - di là, di qua (nel significato di "parte")
funnuaria- tassa
moffa-schiaffo
n'zittari - indovinare (da encertar)
priàrsi - rallegrarsi (da prear-se)
riminari - mescolare (da remenar)
sgarrari - sbagliare (da esguerrar)
stricari - strofinare (da estregar)

Influenza castigliana
 
ajeri - ieri (da ayer) 
basca - malessere (da basca, "nausea")
cucchiara - cucchiaio (da cuchara)
currìa - cinghia (da correa)
cuttigghiu - cortile (da cortijo) / pettegolezzo (da cotilleo)
dimura - ritardo (da demora)
isari - alzare (da izar)
làstima - lamento, fastidio (da lástima)
mpanata - impanata (piatto rustico ragusano) (da empanada)
scupetta - fucile (da escopeta)
palumma - colomba (da paloma)
percia - gruccia (da percha)
pignata - pentola (da piñata)
pinzeddu - pennello (da pincel)
simana - settimana (da semana)
struppiarisi - farsi male, rompersi (da estropear, "guastare")
taccia - chiodo (da tacha)
zotta - frusta (da azote)
zita - fidanzata (probabilm. da cita)
                                                                                                                                                      da Pietro,   mercoledi   20 gen. 2009  11:54


 

 
 

WEBMASTER

MKPortal ©2003-2008 mkportal.it