Home  L'angolo della poesia L'angolo della poesia  Avvenimenti e opinioni Avvenimenti e opinioni  Tema libero in piazza Tema libero in piazza   
 
Tutto PAESEMILI
  *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Pagine: [1]   Vai gi¨
Stampa
Autore Discussione: IL PENSATORE - EMBLEMA DELL'IO UNIVERSALE  (Letto 425 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
the boss
Global Moderator
Full Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 149


« inserito:: 06 Maggio, 2022, 12:40:01 »

Chi ha visitato Parigi,ed ha avuto modo di entrare nel Museo Rodin,avrÓ avuto modo di ammirare in una delle sue sale,questa celebre statua,e riflettendo su essa,ha avuto modo di notare al di lÓ della sua raffinata ed austera imponenza di essa,il fine ultimo per cui l'autore ha voluto immortalare nella pietra,un atteggiamento umano che a prima vista potrebbe sembrare o meglio avere i caratteri di un evento banale.           Ma,anche per un momento,possiamo interpretarne un universo di emozioni,di simbolismi,con cui meglio valutare la nostra vita.

Volendo analizzare personalmente l'opera,quale novello o improvvisato,critico d'Arte,posso far emergere,specialmente far valutare l'espressione di quell'uomo,colto nella sua seminuditÓ,come esso rappresenti ognuno di noi,nella sua umana interezza ed in qualunque momento della sua esistenza,quando per i pi¨ disparati motivi,ad un certo punto della sua vita di relazione con gli
altri,spegne per un attimo che potrebbe sembrare un secolo,gli "interruttori" dei cinque sensi,e comincia con il proprio IO,ad analizzare,come diceva,e indottrinava i suoi discepoli,Socrate,con
il suo famoso detto  "CONOSCI TE STESSO" , La Galassia di ancestrali ricordi,emozioni e reconditi
episodi,che hanno dimora in quel quasi sconosciuto "Cosmo",che Ŕ il PENSIERO UMANO.

Lo Scultore,ha voluto,nello stesso tempo,anche nella staticitÓ dell'Opera,cogliere l'Eterno Divenire
del mondo,cosý come c'insegnava Eraclito;perchŔ proprio da quest'attimo fuggente e statico nello stesso tempo,sono scaturiti,le tante conquiste a cui l'uomo Ŕ arrivato nel corso dei Millenni...
facendo esclamare a questi uomini il famoso "EUREKA",come fece il famoso Archimede di Siracusa;
e forse,purtroppo,ai tanti atti violenti di cui Ŕ disseminata la storia umana .

In quest'opera si deve cogliere,non un singolo ed imprecisato individuo,ma ognuno di noi,aldilÓ di
tutte le Schematizzazioni Sociali e Burocratiche,a cui con fastidio,l'Uomo si sente purtroppo sottoposto.   Infine,malgrado tutto ci˛,ritengo che solo in quell'Attimo fuggente gli Uomini i veri
Uomini si sentano liberi - La LibertÓ di Pensiero - per difendere la quale,tante lotte e battaglie si sono succedute nel corso dei tempi.    Tutti,in quel momento possono riscattarsi,a partire da un
Presidente o Generale,fino ad arrivare,e finisco,al povero "BARBONE", derelitto,emarginato,confinato sotto un ponte,o chiuso in una stanza dell'antica dimora dei suoi
Avi,o rinchiuso in qualche Ospizio in una sperduta localitÓ !..............

Tutto ci˛,ci fa comprendere come al di lÓ delle ricchezze materiali,nel nostro Animo si nasconda
una nobiltÓ di sentimenti interiori,che dallo scrigno prezioso della nostra anima,ci invitano
ad assumere quella posizione che Ŕ l'Emblema dell'Individuo Assoluto,teorizzato anche da
Julius Evola.



                                          P i n o      Afro      Z a g a m i
« Ultima modifica: 06 Maggio, 2022, 12:51:14 da the boss » Registrato
Pagine: [1]   Vai su
Stampa
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
 

WEBMASTER

MKPortal ©2003-2008 mkportal.it