Home  L'angolo della poesia L'angolo della poesia  Avvenimenti e opinioni Avvenimenti e opinioni  Tema libero in piazza Tema libero in piazza   
 
Tutto PAESEMILI
  *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Pagine: [1]   Vai giù
Stampa
Autore Discussione: Timeo Italicum,nunc et semper  (Letto 101 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
the boss
Global Moderator
Full Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 106


« inserito:: 09 Settembre, 2018, 18:16:50 »

Temo l'Italiano,ora e sempre -  Ho voluto parafrasare l'affermazione del Lacoonte,nell'Eneide di
Publio Virgilio Marone, che esortava i Troiani a non fidarsi dei Greci,anche se  portano doni.

Gli artefici del tradimento,si resero conto anche vagamente di quel che facevano ?
Furono coscienti criminali o criminali incoscienti o le due cose insieme ?
Eppure le conseguenze erano prevedibili con matematica esattezza. Era facile prevedere che al magico suono della parola  "armistizio"  tutte le Forze Armate si sarebbero polverizzate ; che i Tedeschi si sarebbero premuniti disarmandole sino all'ultima cartuccia ; che l'Italia,divisa ormai in due parti,sarebbe stata un campo di battaglia,che l'avrebbe convertita  in una  _terra bruciata_ ;
che l'inganno tramato contro l'alleato tedesco e il suo successivo tradimento avrebbero pesato come sarebbero pesati e peseranno,nella memoria di tutti i Popoli del Mondo,per un imprevedibile
periodo di tempo,ed anche e soprattutto sull'avvenire morale e materiale dell'Italia, che d'ora
innanzi sarebbe stata considerata come una universale verità d'identità stabilita fra "ITALIANO" e
"TRADITORE", e che la comunione e la confusione degli spiriti sarebbero state enormi .

Molti credono che fra qualche tempo,il Fascismo tornerà a brillare all'orizzonte.
Primo in conseguenza delle persecuzioni di cui  i "liberali" lo faranno oggetto,dimostrando che
LA LIBERTA'  E'  QUELLA CHE OGNUNO RISERVA PER SE'  E NEGA AGLI ALTRI,secondo per una innegabile nostalgia dei _TEMPI FELICI_  che a poco a poco tornerà a rodere l'animo degli Italiani.

Per redimersi bisogna soffrire. Bisogna che milioni e milioni di Italiani comprendano cosa significò la disfatta e il disonore,che cosa significò perdere l'indipendenza,che cosa vuol dire da soggetto diventare oggetto della politica altrui come i Tiranni di Bruxelles, che cosa vuol dire essere disarmati e di non disporre come altre insulse nazioni dell'Arma Atomica,della quale l'Italia ne fu artefice ed inventore.
                             Bisogna bere nell'amaro calice fino alla feccia.
                         Solo toccando il fondo si può risalire verso le stelle.

SOLO L'ESASPERAZIONE DI ESSERE TROPPO UMILIATI DARA'  AGLI ITALIANI LA FORZA DELLA  
                            
                                                      RISCOSSA          



                                    The                 Afro                   Boss                                                                
« Ultima modifica: 19 Settembre, 2018, 16:01:27 da the boss » Registrato
Pagine: [1]   Vai su
Stampa
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
 

WEBMASTER

MKPortal ©2003-2008 mkportal.it